Social Media Marketing
Come fa #Facebook a conoscere i siti che visitiamo

Come fa #Facebook a conoscere i siti che visitiamo

Sarà sicuramente capitato a tutti almeno una volta di notare, mentre eravamo su Facebook, che tra le pagine o annunci proposti guarda caso sia comparso proprio qualcosa che abbiamo cercato di recente su Google o che riguardava comunque un sito visitato negli tempi. A questo punto ci viene il dubbio: si tratta di una banale coincidenza o c’è qualcuno che ci sta spiando?

Naturalmente non è assolutamente una coincidenza ma neanche di chissà quale mistero occulto, si tratta invece di un meccanismo anche abbastanza vecchio di cui però pochi sono a conoscenza e che ultimamente sta tornando all’attenzione dell’opinione pubblica proprio perché alcuni la vedono come una minaccia alla propria privacy. In questo articolo cercheremo in parole semplici di capire come funziona.

Innanzitutto è importante sottolineare che Facebook era solo un esempio, in realtà questa tecnica è usata da tutti i principali advertiser e motori di ricerca Google in primis, ma per semplicità e per fare esempi concreti ci riferiamo al noto social network di Mark Zuckerberg.

Come può quindi Facebook propinarci la pubblicità proprio di quei prodotti o servizi a cui siamo interessati e su cui magari abbiamo fatto qualche ricerca negli ultimi tempi? Magari anche da un browser su cui non eravamo neanche loggati al social network?

Le risposta è molto semplice in realtà e si chiama Tracking Cookie o Cookie di Terze Parti. Di base quindi stiamo parlando di Cookie ovvero di piccoli file testuali che vengono scambiati tra il server che ospita un sito che visitiamo e il nostro browser. Ogni volta che accediamo ad un pagina il server insieme ad essa ci manda questo contenuto testuale che il browser prende e salva in un file locale, successivamente ad ogni altra pagina visitata sullo stesso sito browser prende questo file e lo reinvia al server.

Ma cosa contiene il cookie e perché è così importante? In realtà può contenere qualsiasi cosa, non siamo noi a deciderlo ma il server che ce lo manda, e generalmente quello che fa è inviare un codice identificativo che viene associato alla nostra sessione di navigazione. In questo modo anche se spegniamo il pc e torniamo su quel sito a distanza di tempo grazie al codice salvato nel cookie il server ci può identificare e magari, se siamo su un ecommerce, ci fa vedere il carrello già riempito con i prodotti che avevamo inserito nella sessione precedente, senza il cookie il carrello sarebbe sempre vuoto ogni volta che torniamo.

cookie

I cookie sono strettamente associati al dominio che visitiamo il che significa che il sito A non può avere accesso ai cookie relativi ad un sito B e viceversa. Ma quindi perché se cerchiamo un sito su Google poi ce lo ritroviamo su Facebook?

E’ qui che entrano in gioco i cookie di terze parti, che nel funzionamento non hanno nulla di diverso da quelli visti in precedenza, il trucco sta invece nel come vengono usati. Dobbiamo a questo punto sottolineare che i cookie non vengono scambiati solo con le pagine in sé per sé ma anche con tutti i contenuti presenti all’interno quindi anche immagini, iframe, video ecc.

Quindi immaginiamo di andare su un ipotetico sito A “BikeShop” A che ha al suo interno il pulsante “Mi piace” di Facebook (e chi non ce l’ha?) il browser per scaricare l’immagine del pulsante farà una richiesta a Facebook (sito B) inserendo in tale richiesta anche il cookie di FB (che contiene il nostro username). Ed è qui che avviene la “magia”: siccome il pulsante di FB si trova in una pagina del sito A il browser inserirà nella richiesta anche il cosiddetto “Referral” ovvero l’url della pagina che ha richiesto l’immagine. A questo punto il cerchio è chiuso: Facebook sa chi siamo (dal cookie) e sa cosa stiamo visitando (del Referral) e il gioco è fatto. Al nostro prossimo accesso al social network ci ritroveremo guarda caso l’annuncio di una bicicletta in vendita! Anche qualora non fossimo loggati a Facebook in quel momento  questi non saprebbe chi siamo esattamente ma potrebbe ricavarlo da altre informazioni che in un modo o nell’altro possono identificarci anche se non con una precisione del 100% (ad esempio indirizzo IP, browser utilizzato ecc…)

spiegazione cookie

Semplice no? In realtà il discorso è abbastanza più complesso, a volte il Referral non viene utilizzato ma ci sono altri modi per sapere su quale sito siamo uno fra tutti, quello più banale, è che la richiesta contenga già nell’url il sito che stiamo visitando come parametro.

Si può evitare che questo accada? Si e no. Nel senso non vogliamo proprio essere spiati potremmo decidere di disattivare i cookie del nostro browser, ma questo vorrebbe dire praticamente l’impossibilità di usare qualsiasi sito moderno. In alternativa ci sono dei plugin per Firefox e Chrome che provano a bloccare l’invio dei cookie di terze parti.

cookie-google

Ultimamente i big del settore e non solo, hanno iniziato ad inserire sul proprio sito un annuncio ben evidente che recita in qualche modo così: “Accetto che questo sito utilizzi i cookie… ecc…” , ciò sta accadendo per via di una legge europea che ha provato a regolamentare l’uso dei cookie per attività di tracking o per lo meno a rendere consapevole il navigatore. Ovviamente se volete continuare ad utilizzare Google, Facebook e company la risposta da dare sarà sì, ma almeno dopo questo articolo sarete un po’ più consapevoli.

Tratto da Codelab Studio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.